Avvento - Camminando insieme - Parrocchie di Fiuggi

Parrocchie di Fiuggi
Vai ai contenuti

Menu principale:

Il Tempo di Avvento

Parrocchie di Fiuggi
Pubblicato da in Liturgia ·
Tags: LiturgiaAvvento
 

«Il tempo di Avvento ha una duplice caratteristica: è tempo di preparazione alla solennità del Natale, in cui si ricorda la prima venuta del Figlio di Dio fra gli uomini e, contemporaneamente, è il tempo in cui, attraverso tale ricordo, lo spirito viene guidato all’attesa della seconda venuta di Cristo alla fine dei tempi».

Con queste parole il paragrafo 39 dell’Ordinamento Generale dell’Anno Liturgico presenta l’Avvento come un tempo di grazia in cui si intrecciano la anamnesi e l’attesa della Chiesa pellegrina nel tempo. In questo periodo, infatti, la comunità cristiana si prepara a fare memoria dell’Incarnazione del Verbo, quando Dio, nella pienezza del tempo, mandò il suo Figlio, nato da donna» (Galati 4, 4), ma anche attende trepidante il ritorno glorioso del Cristo alla fine dei tempi.

La compresenza e la complementarietà tra la tensione escatologica della Chiesa che attende con gioia il compiersi definitivo della redenzione e la memoria grata del «mirabile scambio» tra divinità e umanità è ben testimoniata dalla eucologia del Messale. Seppur accentuate alternativamente, la liturgia di tutto l’Avvento contempla ambedue le venute di Cristo in un intimo rapporto. Del resto in ogni celebrazione, che è storica ed escatologica insieme, emerge la globalità del Mistero Pasquale che, iniziato con l’Incarnazione, troverà il suo compimento nella Parusia.

Tensioni e polarità del significato teologico e della spiritualità dell’Avvento si riflettono nel Lezionario che, tanto nelle domeniche quanto nelle ferie, focalizza nell’arco delle quattro settimane i temi propri di questo tempo che contempla ambedue le venute di Cristo.

Nel breve e denso tempo di Avvento, la liturgia presenta alcune figure che incoraggiano la comunità cristiana pellegrinante nel tempo e protesa verso la piena realizzazione del disegno salvifico:
 
  • a vivere l’attesa vigilante e gioiosa di «Colui che è, che era e che viene» (Ap 1,8);
  • a coltivare la speranza, tesi a capire il senso del tempo e della storia come “kairós” per la nostra salvezza;
  • a vivere un perenne processo di conversione, per accogliere il Figlio di Dio che viene in mezzo a noi e per aprire il cuore al fratello.

Tra i modelli proposti brilla in modo tutto particolare la vicenda della Beata Vergine Maria, alla quale il tessuto celebrativo d’Avvento riserva uno spazio cultuale frequente, in modo che i fedeli possano assumerla come modello per andare incontro al Salvatore che viene, vigilanti nella preghiera, esultanti nella sua lode (Cfr. Marialis cultus 4).

Oltre alla Vergine Maria, le altre figure bibliche che danno una particolare tonalità a questo tempo sono: il profeta Isaia, che ha consegnato un’eco profonda della speranza del popolo eletto (in modo particolare si leggono le pagine del Deutero-Isaia, che costituiscono un annuncio di speranza per gli uomini di tutti i tempi); Giovanni il Battista, precursore del Messia, investito da Dio della missione di preparare le vie al Messia veniente; San Giuseppe, uomo giusto appartenente alla stirpe di Davide, chiamato a custodire con paternità il Redentore.



Torna ai contenuti | Torna al menu